Preparazione e colorazione delle cannucce di carta

Intreccio con le cannucce di carta – sicuramente ne hai sentito parlare o magari hai già iniziato a sperimentare con questa tecnica molto popolare anche tra gli appassionati del riciclo creativo.

L’intreccio con i quotidiani prevede prima di tutto la trasformazione della carta di giornale in “cannucce” che verranno successivamente colorate e intrecciate ad arte come se fossero vimini, midollino o altra tipologia di materiale naturale comunemente utilizzato per l’intreccio. Gli oggetti realizzati con le cannucce di carta sono altrettanto resistenti e impermeabili e puoi utilizzarli quotidianamente, non solo come decorazioni.  In questo articolo troverai tanti consigli utili e dei video tutorial che ti aiuteranno a perfezionare le tue conoscenze basi e a realizzare delle cannucce perfette!

Come si preparano le cannucce di carta?

Prima di tutto vediamo cosa ti serve per realizzare le cannucce:

  • quotidiani, volantini 
  • colla stick
  • spiedino o ferro da maglia di diverse misure 
  • taglierino
  • tanta pazienza

Ti spiego passo dopo passo il mio metodo

  1. Prendi una pagina di giornale e con l’aiuto del taglierino suddividila in 4 parti.
  2. Prendi ora una striscia di carta (la dimensione di essa è di circa 30×10 cm, chiaramente le misure varieranno a seconda del giornale che hai a disposizione) e,  partendo dall’angolo destro in basso, appoggia il bastoncino, tienilo inclinato di circa 20⁰ e vai ad arrotolare la striscia di carta. 
  3. Metti della colla stick nell’angolo in alto a sinistra e blocca la cannuccia.
  4. Tieni sempre presente che la cannuccia deve essere da una parte più stretta e dall’altra più larga, altrimenti durante l’intreccio non sarai in grado di infilare l’una nell’altra.

La mia esperienza ti dice…

Non ti scoraggiare se la prima volta non ti vengono a regola d’arte! Scrivere il metodo o farlo vedere in un video tutorial, specialmente se ne hai già preparato a migliaia….sembra la cosa più facile del mondo. Invece, lo so per esperienza, che non è così.

Il segreto è uno solo: fanne tante e sperimenta! Solo così, cannuccia dopo cannuccia capirai quale è il metodo giusto per te: se usare lo spiedino o il ferro da maglia, se usare strisce più lunghe o più strette…tutto dipende dal progetto che vorrai realizzare. Io per esempio mi trovo benissimo con lo spiedino fino, uso quasi esclusivamente quello, mentre quanto riguarda la misura delle strisce di carta uso due format diversi (30×10 cm o 30 x 5 cm) a seconda del progetto.

Colorazione delle cannucce

Una volta che ne hai arrotolate un po’ è arrivato il momento della colorazione. Naturalmente le puoi lasciare anche così come sono, non è un passaggio obbligatorio, in diversi casi potrai colorare direttamente l’oggetto finito. In ogni caso, se sei indeciso se colorare le cannucce o meno, valuta l’effetto finale che vuoi ottenere – la colorazione a lavoro terminato risulterà molto difficile e poco uniforme, se non quasi impossibile.

Se invece sei convinto di utilizzare le cannucce colorate per realizzare il tuo progetto il primo passo è proprio la scelta del colore. In pratica puoi utilizzare qualsiasi tipo di colore che trovi in commercio, basta che sia a base acqua e non a solvente:

  • Gli acrilici, le tempere, gli smalti acrilici ed i colori chalk vanno semplicemente allungati con un po’ di acqua per rendere più fluida la pittura.
  • I colori naturali, alimentari ed universali vanno sempre preparati con l’aggiunta di acqua per ottenere la tonalità desiderata ma hanno bisogno di un fissativo per farli aderire meglio sulla carta. Per questo puoi utilizzare la colla vinilica diluita con dell’acqua in proporzione 1:2 e aggiungerla successivamente al colore. La quantità di colla diluita da aggiungere è circa di un terzo rispetto alla quantità del colore preparato.

Colorazione ad immersione

Secondo il mio parere questo tipo di colorazione è quello più veloce. Per farla ti occorrono semplicemente dell’acqua, un sottovaso rettangolare di circa 50 cm e dei coloranti (universali, naturali, alimentari ecc.) e un po’ di colla vinilica.

 Per prima cosa versa dell’acqua nel sottovaso e aggiungi i coloranti fino ad ottenere la tonalità desiderata, infine aggiungi anche un po’ di colla vinilica diluita in precedenza.

La mia esperienza ti dice….

Nonostante tutte le attenzioni, qualche cannuccia si scolla sempre durante la colorazione ad immersione.

Per risolvere questo problema devi solo capire durante quale fase esso avviene:

  • Se capita subito dopo l’immersione, sicuramente le hai tenute troppo tempo nel colore. In questo caso non hai alcun modo di recuperare, ti conviene riprovare con un nuovo mazzetto di cannucce e tenerle a bagno meno tempo possibile.
  • Se succede quando stendi sul foglio di giornale per togliere il colore in eccesso, molto probabilmente stai rotolando le cannucce nel verso contrario di come le hai arrotolate. Niente panico, girale e riarrotolale nel verso giusto e rimedi subito il problema. Nota bene che una volta asciutte dovrai incollarle di nuovo con la colla, altrimenti ti scollano di nuovo durante l’intreccio.
  • Se avviene dopo l’asciugatura completa sicuramente il problema è dovuto alla scarsa quantità o qualità della colla o all’elevato tasso d’umidità dell’aria.
  • Se usi la colla vinilica per preparare le cannucce opta per un altro metodo di colorazione perché dove hai messo la colla in precedenza rimarrà impermeabile e impenetrabile per il colore.

Colorazione a pennello

Anche in questo caso la colorazione inizia con la preparazione del colore: se utilizzi colori universali o naturali il metodo da seguire è identico a quello spiegato in precedenza. Se invece utilizzi colori acrilici non c’è bisogno di aggiungere la colla vinilica diluita, basta allungarli semplicemente con l’acqua.

  • Appoggia una piccola quantità di cannucce sul piano di lavoro (il solito sottovaso o un vassoio) in modo che le parti più larghe delle cannucce siano rivolte verso destra. Intingi un pennello piatto piuttosto largo nel colore e dipingi le cannucce per metà della loro lunghezza in modo omogeneo, poi girale e colorale rotolandole verso di te (ovvero mantenendole sempre nel verso come le avevi arrotolate).
  • Scarica l’eventuale eccesso di colore rotolando le cannucce su un foglio di carta di giornale pulito, dopo di che trasferiscile in uno pulito e attendi la loro completa asciugatura.

Vantaggi e svantaggi rispetto alla colorazione ad immersione

 

Vantaggi

  • indubbiamente è la tecnica migliore se stai usando i colori acrilici per la colorazione
  • l’asciugatura avviene più velocemente perché la carta si impregna molto meno
  • le cannucce colorate in questo modo si scollano meno facilmente 
  • l’umidità dell’aria non influisce quasi per niente sulla fase di asciugatura

 Svantaggi

  • devi essere precisa e assicurarti di aver passato il colore ovunque
  • richiede molto più tempo

Cannucce morbide e/o elastiche - quando e come trattarle

In alcuni casi si possono, anzi si devono utilizzare cannucce non trattate per una buona riuscita del progetto. In altri casi invece avrai proprio bisogno che le cannucce siano morbide ed elastiche. Per questo ti consiglio di utilizzare un impregnate per legno a base acqua diluita ulteriormente con dell’acqua. Questo prodotto varia da produttore a produttore, può essere più o meno denso di conseguenza va diluito con più o meno acqua. Quello che uso io lo diluisco a metà con dell’acqua, e anche tu all’inizio dovrai fare qualche esperimento per capire la giusta dose.

Una volta ottenuta la giusta consistenza passalo su tutta la superficie delle cannucce. Sgranale bene in modo che non si attacchino e mettile in un sacchetto di plastica per evitare che si asciughino subito. Se col passare del tempo dovessero risultare troppo dure e asciutte ti basterà spruzzare un po’ di acqua direttamente nel sacchetto per farle tornare di nuovo morbide ed elastiche.

Se hai bisogno delle cannucce morbide al volo ma non hai l’impregnate a portata di mano, puoi utilizzare l’acqua con qualche goccia di ammorbidente e nebulizzare le cannucce in modo uniforme. Di certo non saranno molto elastiche ma più morbide saranno di sicuro e le puoi comunque utilizzare per realizzare il progetto che hai in mente.

Ed eccoci arrivati alla fine di questo articolo, spero che tu lo abbia trovato interessante e soprattutto utile. Ora tocca a te, metti in pratica tutto ciò che hai letto e inizia a preparare tante tante cannucce! 

Come dici? Ne hai già preparate un bel po’?

Benissimo! Allora possiamo procedere ad approfondire altri questioni importanti, leggi qui il mio prossimo articolo!

Se ti è piaciuto questo contenuto condividilo cliccando sui bottoni qui sotto, grazie!

close
Newsletter

Iscriviti alla newsletter e riceverai in regalo l'e-book "Elegante set per avere sempre tutto in ordine" che comprende la completa descrizione ed i cartamodelli di tre progetti coordinati per avere tutto a portata di mano sulla tua scrivania!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
WhatsApp

Altri post

Rita Borracci
Rita Borracci
Leggi Tutto
Bravissima e paziente. Mi sono divertita moltissimo al suo corso.
Simona Del Genio
Simona Del Genio
Leggi Tutto
Bravissima, precisa, paziente e dolcissima. Con tutte le peripezie che ha passato in quell'ora che abbiamo trascorso insieme, è riuscita a mettermi sulla strada delle cannucce. Grazie
Cser Kata
Cser Kata
Leggi Tutto
Különleges, művészi alkotások, ötletek tárháza. Olaszul és magyarul lehet Évitől kérdezni. Kedves, megbízható, segítőkész.
Lucia Piazza
Lucia Piazza
Leggi Tutto
Consiglio vivamente i corsi di Evi! Paziente, disponibile, professionale e una vera Creativa! Dai materiali più semplici e naturali come la carta riesce a trasformarli in oggetti d'arredo unici e personalizzati! Affidarsi a lei è davvero una garanzia!
Mariagrazia Basile
Mariagrazia Basile
Leggi Tutto
Ho conosciuto Evi e la sua arte ad Abilmente Roma....è fantastica lei e tutto quello che crea. ho fatto con lei un corso, insieme alla mia bimba di 11 anni, abbiamo fatto 2 creazioni bellissime. Sarà per me un appuntamento fisso....non la mollo più!
Bruna Cavallini
Bruna Cavallini
Leggi Tutto
Il tuo modo di insegnare pacato e senza fretta è eccellente perché mette a proprio agio chi arriva carico di aspettative e timore di non riuscire. Le 4 ore e mezza di corso sono volate e sono soddisfattissima del mio cestino. Un grazie di cuore ed un arrivederci al corso superiore.
Precedente
Successivo
CHI SONO

Sono Evi Bossanyi, ungherese di nascita e grossetana di adozione, dove mi sono trasferita da più di quindici anni…per amore.

Ho sempre avuto grande interesse e curiosità per le arti manuali che mi hanno portata a trasformare questa mia passione in una vera e propria professione

Continua a leggere…

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter e riceverai subito in regalo l’e-book “Elegante set per avere sempre tutto in ordine” che comprende la completa descrizione ed i cartamodelli di tre progetti coordinati per avere tutto a portata di mano sulla tua scrivania!

Inoltre riceverai regolarmente delle mail che contengono aggiornamenti sui nuovi contenuti del blog, consigli e idee che mi vengono lavorando e promozioni che riservo esclusivamente agli iscritti della community. In più riceverai gli avvisi sulle novità editoriali, i corsi e gli eventi a cui partecipo. 

Iscriviti alla Newsletter
CATEGORIE
Torna su